[Recensione] TomTom Spark Cardio+Music

Oggi torniamo a parlare di sport e orologi GPS, un TomTom provato un anno fa e che non mi aveva entusiasmato, ma ora con l’app rivista completamente, e il prezzo abbassato è diventato molto interessante, anche nelle versioni più semplici e ancora più economiche (link in fondo alla pagina) Ma ora vediamo in dettaglio quello che ho provato:

TomTom Spark Cardio+Music

TomTom_Spark_Cardio_Music

in-vendita-su-amazonPrezzo di listino 249,00 € 

Tutti i modelli disponibili… in base alle vostre esigenze e al vostro budget

TomTom Spark Cardio+Music_confronto

Pubblico la mia recensione solo adesso perchè un anno fa quando uscito era secondo me ancora inaffidabile e costava troppo, ora che il prezzo si è abbassato e la app è maturata, è diventato sicuramente molto più unteressante di prima.

Sono un maratoneta da diversi anni, usavo con soddisfazione prima un un Garmin Forunner 405 preso ancora nel 2011 poi un Garmin Forerunner 225 e poi son passato al Garmin Forerunner235 il mio attuale fedele compagno.

Qui le mie recensioni: 

garmin-forerunner-225-fronte

[Recensione] Garmin Forerunner 225 

Garmin-Forerunner-235

[Recensione] Garmin Forerunner 235

Questa premessa per spiegare che l’anno scorso ho accettato di provare questo Tom Tom proprio perchè ritengo di avere una certa esperienza e penso di poter dare la mia valutazione scrupolosa da sportivo.

Al momento dei test l’ho confrontato con il mio Garmin 225 e ho indossato entrambi i dispositivi 24/24 h per giorni sia durante l’attività fisica che nell’attività d’ufficio sedentaria per scovare tutti i pro e contro che purtroppo spesso ci troviamo a scoprire solo dopo aver comprato l’oggetto 

I pro e i contro sono sia valutati dal confronto diretto rispetto al Garmin 225 ma anche per evidenziare aspetti positivi e negativi di questo orologio rispetto ad altre marche e modelli. Una lettura dei soli pro e contro vi da già un quadro globale della situazione (nelle foto vedrete il confronto dei passi e anche delle app recpiroche di tomtom e garmin per capirne le differenze.

👍 Pro:

  • Durata batteria (11 ore in modalità GPS on e fino a 10 gg in modalità orologio)
  • Rilevamento dell’attività: fino a 3 settimane, GPS: fino a 11 ore, GPS + Frequenza cardiaca + Musica: fino a 5
  • lettore musicale (comodissimo, mai avuto uno così
  • rilevatore del sonno
  • retroilluminazione a richiesta con uno sfioramento
  • cinturino comodo che si possa sostituire completamente e velocemente
  • bel design

👎 Contro:

  • contapassi scandaloso nel rilevare i finti passi nelle fasi sedentarie (durante la corsa o attività costante va molto meglio)
  • misurazione battito molto sballata in fasi di riposo, si allinea abbastanza durante l’allenamento ma lo reputo inferiore al mio Garmin )provato confronto con dispositivi medici)
  • Connessione Bluetooth allo smartphone difficoltosa
  • Ho dovuto faticare parecchio per riuscire ad aggiornare il firmware e farlo dialogare correttamente con il mio telefono
  • Rilevamento battito anche dal polso senza fascia (ma solo durante un attività fisica, la rilevazione istantanea funziona solo in modalità test non veloce da raggiungere nel menu)
  • non compatibile con le notifiche (chiamate,sms,mail,whatsapp,ecc lo segnalo nel caso cercaste qualcosa del genere)
  • ricarica tramite il suo apposito accessorio e non con la classica micro-usb (ma è una condizione indispensabile su molti orologi similari)
  • rilevamento del battito non impostabile automaticamente al di fuori dalle fasi di allenamento, ma solo manualmente (quindi non avremo un grafico con l’andamento del cuore durante la giornata o durante il sonno)
  • manca un Live track (possibilità di condividere l’allenamento in tempo reale se connesso via bluetooth ad uno smartphone con connessione internet attiva. Anche questo non lo reputo importante ma lo segnalo visto che il Garmin e Runtastic ce l’hanno)

Contenuto della confezione

  • TomTom Spark Cardio+Music
  • cavo USB per la ricarica con particolare attacco per la parte orologio (vedi foto)
  • manuali cartacei di istruzioni base per il primo utilizzo in mille lingue tra cui l’italiano (il manuale completo in PDF è recuperabile on line dal sito)

In breve i punti di forza

TomTom_Spark_Cardio_Music

La cosa più apprezzata di questo orologio è sicuramente la possibilità di scaricare 3Gb di musica ed utilizzare delle cuffie bluetooth (non comprese) durante l’allenamento. Dico che è questo il punto di forza perchè poi sinceramente non ho trovato nulla, ma dico nulla che me lo faccia preferire al mio attuale Garmin. Questo era il mio giudizio al momento della prova un anno fa a Luglio 2016, poi per fortuna la app è migliorata e il prezzo diminuito facendolo diventare davvero interessante, per questo ora ho deciso di proporvelo.

Cosa fare come prima cosa

L’orologio vi arriverà con software non aggiornato, pertanto la connessione al telefono sarà impossibile se avete Android 6, vi consiglio di scaricare Tom Tom My Sports Connect sul pc, collegare il Tom Tom via USB e in automatico verrà riconosciuto e aggiornato all’ultima versione.
Fatto questo vi semplificherete di molto la vita, senza rischiare di impazzire come me per capire come mai non si collegava al telefono.
Ora non sperate che vada tutto liscio poi, nonostante questo io ho avuto qualche disconnessione della app dal telefono e dopo una disconnessione ho dovuto addirittura ripristinare i dati di fabbrica perchè non c’era più modo di collegarlo, e quindi di scaricare i dati via Bluetooth invece di dovelo collegare al pc.

Peccato poi che la gestione della musica al so interno sia fattibile solo se collegato al pc e l’app stessa per farlo Tom Tom My Sports Connect non sia molto versatile e per cercare i file musicali fa una ricerca completa dei

Collegamento all’account TomTom

Una volta scaricata la app dall’apposito Store (compatibile con Android e Iphone) avviate l’app e dall’orologio andate nella modalità Telefono per “tentare” la connessione. Dico tentare perchè davvero c’avrò provato 10 volte prima di riuscirci, e all’inizio è seccante perchè non capisci se sbagli tu qualcosa o se non vada l’orologio, poi spulci online e scopri di non essere l’unico ad avere avuto sti problemi e ti consoli…
Anche una volta configurato tutto a dovere la sincronizzazione tra orologio e smartphone dopo un allenamento è lentissima, neanche minimamente paragonabile al Garmin, altro punto negativo!!!
La musica non si può trasferire via bluetooth… altro lato negativo

TomTom_app

 

Note sull’uso in modalità allenamento

Molto semplice e intuitivo il menu, per attivare la modalità allenamento, in automatico inizia la ricerca di GPS, e del rilevatore cardiaco. Ovviamente attendete il segnale GPS (connessione molto più lenta del Garmin anche se uso l’opzione Quick GPS grazie allo smartphone connesso) e potete partire. I dati visualizzabili sono molto, peccato non poter più agire sulla musica una volta partito l’allenamento, dovrete usare solo le cuffie per volume e per cambiare traccia.
Comoda la retroilluminazione che si attiva semplicemente coprendo l’orologio con il palmo.

Note sull’uso quotidiano in modalità contapasso e rilevamento del sonno

Premetto che questa per me è una funzione che conosco bene, uso da un anno e mezzo un contapassi MiBand che come indossabilità è sicuramente più comodo perchè molto piccolo e leggero, e il Garmin e devo dire che questi due sono abbastanza allineati, scartano mediamente di massimo un 7-9% l’uno dall’altro (il miband sovrastima un pochino rispetto al Garmin). Il Tom Tom invece l’ho trovato davvero troppo abbondante di passi, soprattutto in quei momenti dove si cammina poco e ci si muove magari tanto, in pratica conta passi che non ci sono.
Dalle mie prove ho visto che durante gli allenamenti i passi vengono conteggiati molto bene, ma gli errori ci sono nelle fasi di poco movimento, nei momenti sedentari o quando ci muoviamo per casa e segnalerà molti passi in più.
Detto questo vediamo come funziona, quando il Garmin è in modalità orologio, sarà possibile premendo un tasto, scorrere per vedere:

  • passi effettuati durante la giornata
  • passi dell’obbiettivo odierno
  • distanza (stimata sommando i passi non in gps+ la distanza dell’allenamento se effettuato)
  • calorie bruciate
  • misurazione del battito cardiaco istantaneo
  • Con il Tom Tom invece vediamo anche i dati della settimana, ma non vediamo il battito del cuore, visibile invece da un menu apposito per il test del sensore per vedere se funziona (effettivamente le istruzioni stesse dicono che non funziona bene se non in allenamento quindi penso sia voluta la cosa di non renderlo accessibile direttamente, ma rimane un lato negativo)
  • Tutti i dati relativi a sonno e passi sono visualizzabili in dettaglio sul cellulare o su di un pc tramite garmin connect.
  • I dati verranno sincronizzati automaticamente ad ogni connessione BT al telefono o USB al pc

Sito internet:

I dati sono visualizzabili sia dallo smartphone tramite app, che tramite il sito dedicato che vi terrà la cronostoria degli allenamenti, ma anche qui devo ammettere che Garmin è molto più avanti nello sviluppo del sito. Quello del Tom Tom non permette interazione e confronto con altri atleti, non ci permette di memorizzare attrezzatura per avere notifiche quando sarà l’ora di sostituirle (penso alle scarpe, comoda sta funzione per sapere quando è ora di sostituirle).
Per fortuna è compatibile con Strava, quindi tutte le mancanze del sito possono essere colmate sul sito di Strava, sempre più in voga appunto perchè permtte di connettere atleti che usano diversi dispositivi.

 

 

Conclusioni:

Sarò molto sincero e obbiettivo, la mia valutazione è di 3 STELLE “NELLA MEDIA” come da linee guida di Amazon sulle stelle, ma alla domanda, lo consiglieresti ad un amico, la risposta è NO! Perchè? Perchè mi son trovato meglio con i Garmin provati su tutti i fronti

 
buzzoole code

Diegocampy

Recensore e Fotografo per passione...