[Recensione] Xplova X5 Smart Bike GPS Primo Ciclocomputer con Videocamera Integrata

Dopo un mese d’uso intensivo dello Xplova X5 posso dire la mia dettagliatamente. Un ciclocomputer innovativo, il primo e l’unico ad avere una action cam integrata, ma sarà l’oggetto perfetto?

Xplova X5 Smart Bike

in-vendita-su-amazon

Il prezzo di vendita al momento della mia recensione:
362,51 € il 1/02/2017 prima costava addirittura 479,00 € 

xplova-x5-anteprima

👍 Pro:

– videocamera integrata di buona qualità
– prodotto da un marchio conosciuto Acer ( o meglio, Acer ha acquisito Xplova per l’esattezza)
– compatibile con Strava (ma caricamento disponibile da pc non in automatico purtroppo)
– possibilità di registrare video in automatico al verificarsi di determinate condizioni: battito cardiaco, velocità, posizione gps, potenza sviluppata…)ma massimo 9 secondi continui
– dotato di lettore di SIM per la connessione per scaricare le mappe e tutto il resto
– wifi per caricare tutto da casa e non dover inserire nessuna sim
– compatibile con sensori ANT+ (ma non ho potuto provare ho il kit senza sensori)
– 2Gb di archiviazione sembrerebbero pochi ma vista la poca possibilità nel registrare video saranno sempre più che sufficienti.

👎 Contro:

– prezzo elevato, sinceramente a parità di prezzo prenderei un Garmin anche se senza telecamera
– per esigenze di ripresa la posizione sulla bici è esposta al pericolo di urtare in caso di cadute, molti ciclocomputer sono dotati invece di supporto nel mozzo centrale del manubrio, posizione più protetta.
– non ha una connessione bluetooth
– non ha memoria espandibile
– non registra per più di 9 secondi in continuo
– gps poco preciso nell’altimetro. In pianura certi giorni mi dice 45 metri altri -10
– registrazione video massimo clip da 9 secondi!!!! Peccato
– il sito non è completamente compatibile con Chrome, serve Explorer o Firefox per esempio per il plugin che usa Java per importare i dati .gpx

In breve:

xplova-x5-caratteristiche

Per lo Xplova X5 le aspettative erano tante visto il prezzo, mi sono documentato, l’ho provato assiduamente lo reputo molto buono, ma non mi ha convinto fino in fondo, diciamo che dopo un mese di test e prove, per quanto sia un buon prodotto, non so se lo prenderei! L’unica cosa superiore ai più diffusi ciclocomputer è la possibilità di registrare mini video in automatico (a spezzoni da massimo 9 secondi però) , per il resto è molto limitato, e se non comprate i sensori per pedali e la fascia cardio, non potete fare altro che visionare la velocità il percorso e la pendenza della strada, come fanno dispositivi che costano meno di metà del prezzo di listino di questo oppure anche il vostro smartphone stesso con app gratuite come Strava, Runtastic o altre a pagamento come IPBike.

Non lo trovo molto sensato il rapporto spesa/beneficio dello Xplova X5, infatti ho molti amici ciclisti su strada o in mountain-bike e si differenziano in due categorie, chi usa direttamente lo smartphone con app come runtastic, ipbike o strava, e chi usa i minipc Garmin per esempio, che costano anche molto meno fino a 500€ i top di gamma, che come software sono tutto un’altro mondo a mio avviso.
Lo Xplova X5 dal lato community pecca enormemente, non è molto diffuso e non è per niente social almeno adesso, l’app è accettabile, ma una volta esportati gli allenamenti non sono visibili se non da PC e il sito è pietoso e ancora davvero poco diffuso l’uso di questo dispositivo in Italia, per poterci confrontare con amici.
Per fortuna c’è la possibilità di esportare i dati verso Strava, ma sempre da pc uno alla volta, per la condivisione e il confronto con altri amici (non sarebbe fattibile se ognuno usasse una App diversa, per questo é diffusa l’esportazione su altre piattaforme per il confronto, anche se durante l’attività ognuno magari usa un dispositivo diverso. Con i Garmin si associa a Strava e l’esportazione sarà automatica, con questo invece bisogna esportarla uno a uno ogni volta su Strava, e ripeto, da pc.
In complesso quindi preferisco nettamente i Garmin o altre marche presenti sul mercato da anni con un software nettamente più semplice da utilizzare.
Questo Xplova X5 in oltre realizza video composizioni unendo fino a 8 segmenti dei video fatti durante il giorno, ma nulla di eccezionale, e spesso noto dei rallentamenti nella creazione del video direttamente dallo Xplova X5 e l’upload sul sito.

La prova sul campo:

Installazione e preparazione all’uso:

Il sistema di fissaggio dello Xplova X5  é solido e preciso, tramite il braccetto fissato alla bici con chiave a brugola in dotazione, e anello in spugna da mettere tra il supporto e il manubrio. Il dispositivo si toglie e si mette dal supporto con una semplice rotazione, l’incasso é in plastica, e solo col tempo saprò dirvi se si deteriora.
Posterò delle foto più avanti per farvi capire come sarà dopo qualche mese di utilizzo.
Per esigenze di ripresa, il dispositivo viene fissato orizzontale e spostato da una parte, rendendolo più esposto agli urti in caso di caduta. Per poter riprendere la strada, dovremo tenerlo esattamente orizzontale e questo potrebbe renderlo un po’ più difficoltoso da vedere, ma dipende dalla vostra bici e dalla vostra posizione in sella, io non ho avuto problemi. La luminosità è molto alta pertanto anche con sole alto si vede bene lo schermo.
Dal lato software per essere pronti all’uso serve la creazione dell’account sul loro sito con l’inserimento di email e alcuni dati personali. Dopo queste procedure siamo pronti all’uso.

Connettività WiFi e 3G:

Per collegarsi al sito, per vedere le sessioni già registrate, e per scaricare le mappe, lo Xplova X5 può usare un collegamento wifi molto pratica è veloce la configurazione. Serve invece per forza di cose l’inserimento di una scheda SIM all’interno del dispositivo per l’utilizzo della modalità live per poter essere geolocalizzati da altri amici che lo usano o da amici che ci seguono da casa. La stessa cosa possibile farlo con Strava direttamente da smartphone o con i Garmin. Insomma una modalità che si sta diffondendo, non la uso, ma ormai tutti i dispositivi di un certo livello permettono di farlo, ma spesso senza bisogno di una SIM ulteriore, perché si collegano via bluetooth al nostro smartphone, molto più comodo.

Sensori opzionali:

Opzionali si, ma non ha senso non averli, se vogliamo un ciclocomputer almeno utilizziamolo al completo e quindi necessiteremo disponibili direttamente realizzati per Xplova X5, oppure prenderne altri purchè siano compatibili ANT+

Sensore-di-Cadenza-e-Velocità-Combo-per-Xplova-X5
Sensore di Cadenza e Velocità Combo per Xplova X5 con Tecnologia Ant+, XA-CS2 44,90 €
Per monitorare la cadenza delle pedalate e la velocità. Senza la velocità l’avremo lo stesso dal GPS ma non è precisa e reattiva come con il sensore. Inoltre con questo sensore possiamo vedere su monitor la marcia inserita nella corona e nel pignone, non indispensabile ma comodo, anche se alla fine la stima in base alla velocità e alla cadenza, come i vari competitor, e fanno degli errori, diciamo che in genere è preciso al 90%

Fascia-Cardio-Morbida-per-Xplova-X5
Fascia Cardio Morbida per Xplova X5 con Tecnologia Ant+ 49,00 € c’è poco da dire, monitoraggio del battito cardiaco che poi sarà visibile anche su grafici insieme alla velocità e alla pendenza delle salite, nulla di nuovo rispetto a quello che già fanno i Garmin o altri ciclocomputer, o le app per smartphone più diffuse. Io consiglio sempre di usarla nell’attività fisica se volete avere una analisi completa delle vostre prestazioni.
E lo ribadisco ancora, comprateli, senza sensori vale metà come utilizzo questo ciclocomputer, in quanto la velocità del gps è meno precisa e tanti altri dati non li vedrete.

Utilizzo e monitoraggio dei dati:

Xplova-X5-mountain-bike-manubrio

Uno start dello Xplova X5 all’avvio e si parte, monitora velocità e con l’aggiunta di altri sensori, fascia cardio e sensore cadenza venduti separatamente, potrete avere informazioni in più ovviamente, come detto qui sopra, altrimenti vedrete la velocità, la temperatura dell’ambiente, la pendenza della salita o discesa e non molto di più…
cliccando start stop si potrà avere un parziale intertempo e tenendo premuto a lungo si ferma la sessione.
Se avete una scheda 3G inserita, o quando sarete sotto copertura WIFI la sessione verrà automaticamente caricata online sul sito, e successivamente potremo anche creare e caricare un video dell’allenamento con i punti più salienti, spiegato nel prossimo capitolo

Caricare percorsi da file e Smart Sign Guidance:

xplova-x5-live-trackingE’ possibile sincronizzare i percorsi memorizzati sul sito e utilizzarli poi per essere guidati lungo la strada da Xplova X5 con Guida™ Smart Sign quando si è in bici per avere la direzione precisa da seguire e i punti di interesse segnati nel file.
Possiamo anche importare i file dei percorsi che troviamo in rete già creati da altri, molto comodi in bici per provare nuovi percorsi. Per importarli bisogna utilizzare Explorer o Firefox, perchè il plugin Java su Chrome non funziona non essendo compatibile.

xplova-x5-no-chrome Usando uno di questi due browser tutto ok, caricandoli “to my space”,

xplova-x5-to-my-spaceinvece collegando lo Xplova X5 al pc per caricarli direttamente sul dispositivo, non lo riconosce ma poco male, faccio prima a caricarli su “to my space”.

Registrazione di video e upload nel sito xplova.com

xplova-x5-live-smart-video

L’unica cosa che non ha attualmente nessun altro ciclocomputer e che potrebbe spingervi per questo a valutarne l’acquisto.
Questa modalità è ben pensata, possiamo registrare autonomamente premendo Rec sul ciclocomputer, oppure regolare la registrazione automatica in differenti momenti, quando:
– inizia la sezione
– la frequenza cardiaca raggiunge una certa soglia
– superiamo superano il valore preimpostato di velocità
– si raggiungono gli Smart Sign, per esempio la cima di una montagna o altri punti di interesse o coordinate GPS impostate
– finisce la sessione

Queste registrazioni sono di tempo regolabile ma solo 3-6 o 9 secondi purtroppo, e non c’è modo di effettuare registrazioni più lunghe.

A fine sessione tra tutti i video se ne potranno scegliere fino a 8 e in automatico verrà generato un unico video che sarà possibile rivedere e caricare sul sito di Xplova nel proprio account, scegliendo se tenerlo privato o renderlo pubblico.
In alternativa ovviamente potremo fare alla vecchia maniera, collegare il ciclocomputer al pc e salvare i video manualmente ed esportarli dove e come vogliamo, ma il bello è la comodità di poterlo fare automaticamente.
Ho notato che questa automatizzazione a volte si incanta, mi da errori nel generare i video e mi fa perdere la pazienza, ma in casi rari, diciamo che la maggiorparte delle volte funziona.

Poco smart nella consultazione dei dati:

Per capire le mie perplessità vi parlo prima della mia esperienza nella corsa, con cosa corro e come carico i dati, li paragoniamo allo xplova e capirete perchè sono un po’ deluso, magari è solo il fatto che mi son abituato toppo bene col Garmin.
Dunque per la corsa sono abituato con il mio Garmin Forerunner 235 (Link Amazon quirecensione qui) ed essendo dotato di Bluetooth, si collega allo smartphone e potrebbe fare le stesse funzioni live che fa lo xplova per essere visto live dagli amici se usato con la Sim 3G. Dico potrebbe perchè io non lo uso mai con lo smartphone appresso, però a differenza dello Xplova, quando torno dall’allenamento, avvicinandomi allo smartphone si collega automaticamente e carica l’allenamento sul sito Connect di Garmin. In automatico avendolo preimpostato prima, il sito carica gli stessi dati anche su Strava (altra app e social per corridori e ciclisti) per poterli poi condividere con gli amici che lo usano. Da questo momento i dati li potrò vedere da pc, e allo stesso modo da smartphone con l’app di Garmin o con l’app di strava, tanto i dati sono caricati e sincronizzati su entrambe le piattaforme.

Con lo Xplova X5 invece no, se ho una sim installata automaticamente si caricheranno i dati sul sito, se non ce l’ho si caricheranno non appena sarò sotto copertura wifi, e poi manualmente potrò creare un video con i clip selezionabili tra quelli dell’allenamento svolto, e caricarlo online. Basta, fine delle possibilità!!!! Cioè manca completamente una sincronizzazione automatica con Strava, disponibile solo manualmente uno a uno da pc, e poi manca una app che mi permetta di vedere e confrontare gli allenamenti da smartphone. L’unica app che c’è che funziona è Moment, ma permette solo di vedere i video degli allenamenti già caricati sul sito.
Se vorrete monitorare e condividere gli allenamenti, o da pc, oppure vi scaricate Strava e caricate a mano ogni volta gli allenamenti.

Ho fatto la premessa dicendo che forse sono io abituato troppo bene proprio perchè dovrete essere voi a valutare se questa è una cosa molto negativa per voi o sorvolabile, perchè parlando anche con amici, ho trovato chi come me che lo trova assurdo e non lo comprerebbe per queste limitazioni software, e chi invece se ne frega altamente e per lui questo non è un problema.

Conclusioni:

Come detto all’inizio e nell’ultimo paragrafo, buon prodotto si, innovativo, ma con dei limiti software e nel portale che se dovessi meditare adesso per acquistarne uno, non so se lo prenderei, più probabile mi direzionerei su un Garmin con bluetooth, proprio per il lato software nettamente migliore.
Se sei arrivato fino a qui nella lettura spero di averti chiarito almeno in parte le idee su questo oggetto, e che tu possa aver capito se fa al caso tuo.
Per qualsiasi altra informazione ti serva chiedi pure

Xplova X5 Smart Bike

in-vendita-su-amazon

xplova-x5-anteprima

Diegocampy

Recensore e Fotografo per passione...