BUFALE! Alcuni consigli per smascherarle in 10 secondi

Nutro un certo odio verso la diffusione delle bufale, per questo ho voluto fare una semplice e veloce guida sui punti chiave da verificare prima di condividere bufale a propria insaputa

Bastano pochi e semplici passaggi per riconoscerle ed evitare quindi di ricondividerle e aumentarne la diffusione.
In questo articolo voglio spiegarlo nella speranza che anche tu diventa un alleato nella lotta contro la diffusione delle bufale.
Ma prima cerchiamo di capirne il motivo…

PERCHE’ LO FANNO?

Diegocampy-bufale-manetteNotizie del genere creano stupore, portano a molte condivisioni, che si tra
ducono in molta visualizzazioni del sito stesso, con conseguente monetizzazione dagli svariati banner e loghi pubblicitari che ci sono all’interno di questi siti. Capirete quindi perché i siti di questo genere hanno solo l’interesse a divulgare queste notizie false.

Questi siti in modo illegale (in Italia è reato articolo 656 del Codice Penale), lanciano l’amo costituito da un titolo reboante e ad abboccare, purtroppo, sono davvero tanti.

Capito perché lo fanno ora vediamo di capire quali son le bufale. Questi semplici passaggi li ho messi nell’ordine di importanza, spesso già facendo il primo punto scopri se è una bufala, quindi perdi sempre 10 secondi prima di condividere fesserie.

VERIFICARE LA FONTE

diegocampy-facepalmCon il principio che se lo pubblica un giornale conosciuto risulta credibile, spesso invece la bufala arriva da siti poco credibili, che sfruttano i nomi di altre testate giornalistiche utilizzano nomi similari che fanno credere a giornali attendibili, oppure nomi come newsvere.blog….. notizieassurde.blogspot.com ecce cc.

COPIA E INCOLLA LA NOTIZIA SU GOOGLE + BUFALA

diegocampy-altNulla di più semplice e spesso basta questo passaggio, copia la frase intera o parte della frase su Google aggiungi la parola bufala e goditi le risposte, spesso e volentieri troverete già qualcuno che ha smascherato la bufala spiegando anche il perché sia una bufala.

VERIFICA L’IMMAGINE

Per dare più effetto, spesso l’articolo è corredato da un’immagine che probabilmente è stata scaricata da internet e poco centra con la notizia data. E come scoprirlo?
– Posizionati sopra l’immagine
– Tasto destro del mouse
– Cerca immagine su Google
In questo modo vi comparirà l’immagine se la stessa è già stata usata e indicizzata da Google.

diegocampy-cerca-immagine-su-google

SE TI DICONO “CONDIVIDI PRIMA CHE LO CENSURINO”?

diegocampy-noPrendi sempre con le pinze notizie che iniziano con:
“Hai visto cosa sta succedendo”, “Assurdo, guarda qui”
o che finiscono con frasi del tipo “condividete prima che la cancellino”,
“tutti devono sapere”
Questi sono messaggi di chiara intenzione di divulgare informazioni in fretta, ma spesso riconducibili solo al creare traffico nel sito che le pubblica, non tanto a divulgare la notizia… anche qui campanello di allarme, attenzione prima di condividere.

 

CHI – COSA – DOVE – QUANTO – PERCHE’ ?

diegocampy-newsSe manca una o più di queste informazioni, siate dubbiosi prima di ricondividere… un giornalista serio su un articolo riporta sempre queste informazioni, quindi meditate.

VERIFICA SE LA NOTIZIA SIA PRESENTE SU SITI PIU’ AFFIDABILI

Diegocampy-bufale-binoccoE’ semplice, controlla se su siti più autorevoli compare la notizia, o al contrario se qualche sito del settore l’ha già smentito guardando per esempio: (Bufale.net FactCheck.org FullFact.org Snopes.com ecc)

GOOGLE CI AIUTA CON “TAG FACT CHECK”

Se avete notato, con il susseguirsi del dibattito politico tra i due candidati alla presidenza degli stati uniti, Google ha aggiunto alle notizie che vengono pubblicate in Google News una nuova funzione “Tag Fact Check” (letteralmente verifica dei fatti)
offrendo il link dove è possibile verificare l’argomento. Ma dobbiamo ancora attendere perché per ora funziona solo negli stati uniti e in Inghilterra.

E con questo abbiamo finito, diffondi queste piccole e semplici regole per cercare di arginare questa diffusione insensata di bufale.

Diegocampy

Recensore e Fotografo per passione...