[Recensione] Caricabatterie a Energia Solare AUKEY E ALTERNTIVE PIU’ ECONOMICHE

Cellulari sempre più potenti e batterie che durano sempre meno, ecco allora che entra in gioco il caricabatterie a energia solare, io ne ho provati un paio, questo AUKEY da 54,99 € e questo GRDE da 57,99 € ma sono il primo a consigliarvi di prenderne di più economici essendo tutti molto simili, date un occhio quanti ce ne sono cercando su Amazon: “Pannelli Solari Caricabatterie” il miglior rapporto qualità prezzo ce l’ha questo: Caricabatterie Solare da 16W 29,99 € 

Scopriamo insieme come funzionano e come si comportano…

Caricabatteria-a-Energia-Solare-AUKEY

👍 PRO:

– funziona ed è il primo Caricabatterie a Energia Solare che provo che restituisce 2A come dichiarato!!!!
– 2 prese USB
– ripieghevole e in tessuto pratico da trasportare
– 4 moschettoni per fissarlo dove vogliamo

Caricabatterie-a-Energia-Solare-AUKEY-misurazione-corrente

👎 CONTRO:

– con le giornate nuvolose ovviamente la corrente erogata dal Caricabatterie a Energia Solare scenderà drasticamente
– non è un accumulatore o una batteria, quindi potete alimentare i dispositivi solo finchè c’è sole (consiglio l’uso per caricare una powerbank)
– teme l’umidità quindi se si sporca poi lavarlo sarà un problema
– prezzo, purtroppo costicchia, ma ci sono anche queste valide alternative

Caricabatterie-a-Energia-Solare-AUKEY-misurazione-corrente-2 Caricabatterie-a-Energia-Solare-AUKEY-misurazione-corrente-ombra

DESCRIZIONE:

Caricabatterie a Energia Solare costituito da 3 pannelli distinti, rivestiti in tessuto tecnico nero, ripiegabili e richiudibile con velcro, all’interno una tasca che nasconde i collegamenti elettrici e le 2 porte USB per poterci collegare fino a 2 dispositivi ed erogando una corrente massima di 2A (ovviamente da suddividere tra le due prese se collegate due dispositivi).
Nella confezione anche 4 moschettoni da poter fissare agli anelli metallici negli angoli per poterlo posizionare dove meglio potete per catturare la luce solare

LA PROVA:

Finalmente un pannello solare degno di questo nome, si perchè le caratteristiche tecniche lasciano il tempo che trovano e ve le potete leggere nella descrizione, parliamo di come funziona!
Importante cercare di direzionarlo sempre perpendicolarmente al sole per avere il massimo della corrente (non basta che sia illuminato, ma più perpendicolare al sole è e più corrente sarà in gradi di produrre).
Ho misurato con questo piccolo e pratico strumento il voltaggio e soprattutto l’amperaggio capace di erogare DROK® USB 2.0 Multimetro Digitale Voltometro / Amperometro e i 2A dichiarati dal produttore con non mio poco stupore, ci sono tutti in una giornata di sole di Aprile alle ore 13:00.
Se porto il pannello solare in una zona ombreggiata ma sempre in una giornata di sole (sotto a un gazebo) gli ampere scendono drasticamente a 0,22A nelle mie prove, come è ovvio che sia. Stessa cosa accade nelle giornate nuvolose o ad orari in cui il sole è ancora troppo basso la mattina o al tramonto, quindi i 2A sono la situazione migliore, tenetene conto.Io consiglio di abbinarci una powerbank proprio per poter sfruttare la ricarica con l’energia del sole e poi utilizzarla quando meglio si vuole. Nella tasca del pannello solare ci sta perfettamente una powerbank sottile, io nelle mie prove ho usato questa:
AUKEY Quick Charge 2.0 Powerbank di 6000mAh che attualmente non è più disponibile, 

CONCLUSIONI:

Prezzo importante è vero, però almeno funziona, ne ho visti parecchi e una cosa l’ho imparata, più grandi sono e più funzionano bene, non aspettatevi miracoli da quelli più piccolini.

Diegocampy

Recensore e Fotografo per passione…